Il primo club delle piccole e medie imprese sul web Iscritti al ClubPMI

Cerca un'azienda

Indicizza il tuo sito
Pubblicità internet
Marketing E-commerce Comunicazione Import&Export Fiere Finanziamenti Personale Management Utilità Motori di ricerca
 

 

Informazioni e link sui finanziamenti agevolati Finanziamenti agevolati
Finanziamenti agevolati
 
Novità: i contributi a
Fondo Perduto
della Regione Lazio
Con la nuova legge 23, la Regione Lazio garantisce una copertura del 50% su tutte le spese effettuate dalle aziende per realizzare il proprio sito Internet, per acquistare hardware e software o per pubblicizzare la propria attività on-line. Le novità.

Per tutte le Piccole e Medie Imprese artigiane, di produzione e di servizi operanti nel Lazio, la Legge Regionale 23/86 mette a disposizione finanziamenti a fondo perduto per svolgere attività di Innovazione Tecnologica o per portare le proprie attività on-line attraverso l’e-commerce. Il finanziamento è gestito dalla Filas (la Finanziaria della regione Lazio) e ne possono usufruire Piccole e Medie Imprese (meno di 250 dipendenti) ed imprese in fase di Start-Up. Per poter accedere al  finanziamento, per prima cosa, si deve capire se le attività che hai in mente di svolgere possono essere considerate di Innovazione Tecnologica o di E-commerce. Definiamo quindi questi due concetti: Cosa si intende per Innovazione Tecnologica? Per azioni di innovazione tecnologica si intendono quegli interventi volti a sviluppare nuovi prodotti, servizi o processi aziendali attraverso l’utilizzo o lo sviluppo di una nuova tecnologia. I finanziamenti per l’innovazione tecnologica, pertanto, sono accessibili sia dalle società che vogliono sviluppare prodotti o servizi tecnologici (tipo società di software, telecomunicazioni, automazione industriale, ecc), sia dalle società manifatturiere e/o artigiane che intendono innovare i propri processi produttivi attraverso lo sviluppo/utilizzo di nuovi macchinari/tecnologie di produzione. 

Cosa si intende per azioni di e-commerce? 
Per azioni di e-commerce si intendono quell’insieme di attività che permettono ad una determinata azienda di poter vendere i propri prodotti/servizi direttamente on-line (le transazioni economiche, pertanto, devono avvenire attraverso la rete). Il finanziamento per azioni di e-commerce non si intende rivolto verso coloro che decidano di porsi come intermediari tra le imprese ed i consumatori ma è rivolto direttamente alle imprese che intendono utilizzare la Rete come uno dei canali di vendita dei propri prodotti/servizi. Una volta definito che tipo di programma si intende farsi finanziare, vediamo in dettaglio quali sono le attività finanziabili ed a quanto ammonta il finanziamento possibile: Il finanziamento, in forma di contributo a fondo perduto, può essere pari al  50% dei costi del progetto sia per le attività di Innovazione Tecnologica che per l’e-commerce. Il tetto massimo del contributo che può essere erogato è pari ad euro 100.000. 

Quali spese possono essere finanziate?
Per quanto riguarda l’innovazione tecnologica, sono finanziabili i seguenti costi: 
- personale interno: tale costo non può essere superiore al 50% del costo totale del progetto
- consulenze esterne - immobilizzazioni materiali ed immateriali 
- spese generiche: tale costo non può essere superiore del 10% dei costi del progetto

Per quanto riguarda le attività di e-commerce, sono finanziabili: 
- costi del personale interno: tale costo non può essere superiore al 50% del costo totale del progetto 
- costi di consulenze esterne, le spese di promozione (link a portali, siti web, banner pubblicitari, ecc.), e l’acquisto di software. 

Cosa si deve fare per richiedere il finanziamento?
Per richiedere un finanziamento di questo tipo è molto importante iniziare da una solida base, cioè definire in maniera analitica le attività che si intende svolgere e verificare che tali attività siano effettivamente finanziabili. Quindi si deve preparare un buon piano di impresa secondo la modulistica della Filas dove si illustra il progetto che si ha in mente, gli obiettivi e le esigenze di mercato da cui nasce, le attività che verranno svolte e gli sviluppi di mercato che si pensa di ottenere. Una volta pronto il piano di impresa, questo dovrà essere presentato alla Filas per avviare la fase di istruttoria, al termine della quale si otterrà o meno il decreto di concessione del finanziamento. Il processo per richiedere un finanziamento di questo tipo non è lungo, ma è imprescindibile contare su una buona idea e presentarla nella migliore maniera.
Per non perdere nessuna opportunità di finanziamento agevolato clicca qui.

Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.clubpmi.it non possono essere riprodotti senza autorizzazione.